Questo sito utilizza cookies di profilazione propri e di altri siti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies Clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Come chiedere l’ecobonus

Scritto da Monica 10/05/2016 0 Commento/i

Come chiedere l’Ecobonus 2017?

 

Con il servizio di assistenza professionale messo a disposizione da TA.

 


 

Ricostruire la documentazione necessaria per ottenere la detrazione fiscale, può essere complicato. Per questo abbiamo voluto mettere a disposizione dei nostri clienti la professionalità del nostro architetto TA per facilitare la procedura. Vediamo nel dettaglio le condizioni per poter ottenere l’ecobonus

 

Tipologia di tende da sole

 

Le tende da sole o i pergolati rientrano tra gli interventi finanziati dall’ecobonus: una corretta schermatura solare infatti determina un notevole risparmio energetico, utilizzando i raggi solari sia come illuminazione naturale ma anche per proteggere gli spazi dal caldo. Sono detraibili al 65% tutte le tipologie di schermature solari tecniche - ad esclusione delle tende esterne aggettanti posizionate su pareti esposte a NORD  - purché siano 

  • a protezione delle superfici vetrate 
  • applicate in modo permanente all’involucro edilizio e non liberamente montabili e smontabili
  • applicate all’esterno, all’interno o integrate alla superficie vetrata
  • possono essere in combinazione con vetrate o autonome (le tipologie “aggettanti” sono comprese)
  • mobili
  • di tipo “tecnico” (possedere una marcatura CE).

 

Lo stato dell’immobile

 

Per poter usufruire della detrazione l’immobile non deve essere in costruzione o coinvolto da un intervento assimilabile ad ampliamento o espansione. È necessario dunque che al momento della richiesta l’immobile sia:

  • esistente, ossia accatastato o con richiesta di accatastamento in corso
  • in regola con il pagamento di eventuali tributi
  • in caso di ristrutturazione senza demolizione, se essa presenta ampliamenti, non è consentito far riferimento al comma 344, ma ai singoli commi 345, 346 e 347 solo per la parte non ampliata.

 

La procedura

 

Per poter usufruire della detrazione fiscale è necessario compilare e trasmettere online sul portale telematico di ENEA, entro 90 gg dalla fine dei lavori, l’allegato F con:

  • i dati del beneficiario
  • i dati dell’immobile su cui sono state installate le schermature solari
  • i dati tecnici delle schermature solari acquistate ed il costo.

 

Per facilitare la raccolta dei dati da inserire nel portale Enea abbiamo predisposto un modulo che può essere richiesto tramite mail o fax. Dopo aver ricevuto il modulo compilato in ogni parte e firmato dal beneficiario provvediamo ad inserire tutti i dati nel portale Enea. Prima di inviare definitivamente la pratica chiediamo al cliente una ulteriore verifica dei dati riportati, onde evitare errori di trascrizione.

 

Quando la pratica sarà inviata sul portale Enea inoltreremo via mail la notifica con il codice CPID della pratica. Il codice CPID e l’allegato F (firmato dal cliente) andranno consegnati e conservati dal cliente per almeno 10 anni insieme a tutta la documentazione di tipo “amministrativo” (es. fatture) ed alle schede tecniche della tenda per un eventuale controllo.

 

Il cliente poi provvede al pagamento tramite le opzioni bancarie riservate ai bonifici per eco-bonus “riqualificazione energetica” (bonifico parlante); mentre i contribuenti titolari di reddito d’impresa sono esonerati dall’obbligo di pagamento mediante bonifico bancario o postale.

 

È possibile usufruire della detrazione fiscale del 65% della tenda da sole anche oltre i 90 giorni dall’installazione pagando una sanzione. Per non perdere il diritto allo sconto fiscale l’unico modo è infatti la remissione in bonis, effettuando la dichiarazione entro il termine di presentazione della prima dichiarazione utile, Alla consegna del Modello Unico si paga tramite modello F24 una sanzione prevista pari ad € 258,00 (l’importo minimo previsto dall’articolo 11, comma 1, del D.Lgs 471 del 1997) mettendo come codice tributo 8114 e segnando come anno per cui si effettua il versamento quello in cui è stata installata la tenda. In questo caso è consigliato pagare il ravvedimento lo stesso giorno in cui si invia la pratica all’Enea.

 

Facendo la richiesta per tempo, però è possibile evitare questa sanzione e noi siamo a completa disposizione per aiutare tutti i clienti ad ottenerla. Per qualsiasi dubbio non esitare a contattarci!